Parco

Il giardino insieme alla Villa si trova sulla collina chiamata delle Pergole. Il nome deriva probabilmente dai pergolati di uva che erano presenti in questa zona (da cui anche il nome della strada, via del Pergolino). Tutto intorno alla villa si può ammirare il rigoglioso parco che smentisce il nome di Poggiosecco dato a quest’area.

L’aspetto del giardino è strettamente collegato alla storia della villa: fin dalla fine del ‘300 apparteneva alla famiglia Maccianghini o Macinghi, passò poi alla famiglia Riccardi fino all’Ottocento. In questo periodo c’era un orto ben curato con piante di aranci, limoni, peri e fichi, attorniato da filari di viti. La proprietà tra Ottocento e Novecento passa in mano a diverse famiglie, tra cui i tedeschi Schmitz. Sarà proprio Carlo Schmitz ad abbellire il giardino con piante esotiche, essendo un appassionato di botanica, ma il nipote successivamente vanificherà il lavoro dello zio, togliendo molte delle piante tra cui anche alcuni cedri.

Dal ’47 proprietà della Missione Avventista, attualmente il parco ospita tutti coloro che vogliono godere della quiete della natura e trovare ristoro all’ombra dei suoi alberi; in primavera è un trionfo di colori e profumi, grazie soprattutto allo splendido glicine, che fiorisce ad aprile. Il colore del sito internet infatti si ispira proprio al viola dei suoi fiori, un inno alla rinascita della natura e alla speranza.